Catherine’s tales: 14 mesi

Il mese appena trascorso non e’ stato malaccio: a parte qualche risveglio per i denti e le solite lagne ai pasti non mi posso proprio lamentare; ovviamente con mio marito sono una lagna continua, ma questa e’ una prerogativa che solo noi donne possiamo capire 😉
Ultimamente Catherine e’ stata abbastanza sballottata, pur rispettando sempre la sua routine, ed ha reagito abbastanza bene: e’ proprio una globe trotter!

  • Allattamento: Catherine prende solo più il latte a colazione e alle 22.30, utilizziamo sempre l’antireflusso della Aptamil che gradisce molto. Putroppo qui in Svizzera lo trovo solo fino al numero 2 ma la pediatra mi ha detto di darglielo pure anche dopo l’anno visto che e’ di gusti difficili 😉

    • Svezzamento: lagne, lagne e ancora lagne…darle un pasto e’ un’odissea. Le cose sono leggermente migliorate perche’ la lascio giocare con il cibo e lei cerca di imboccarmi, non vi dico il caos dopo che ha tentato di mangiare lo yogurt in autonomia! Praticamente al pomeriggio esce sempre in stile “gispsy” con pantaloni zozzi o, spesso, la devo cambiare da testa a piedi visto che ha imparato a sputare l’acqua come neanche un lama riuscirebbe a fare. Ovviamente se le vengono offerti prodotti dolciari di varia natura non emette un suono e mangia come una vera lady (panna, gelato e croissant sono i suoi preferiti, of course!).
    • Routine: la routine e’ sempre la stessa e, per noi, funziona davvero bene. Sto cercando di accorciare il pisolino mattutino: la toddler parteciperà a diversi eventi nel circondario e sono tutti la mattina…sara’ dura ma credo sia fondamentale che socializzi e giochi con altri bimbi.

      • Giochi e attività: diciamocelo chiaramente: Catherine non gioca. Apre e chiude sportelli, svuota cassetti, mena il cane, va su dalle scale, si arrampica sul divano, finge di pulire etcetera ma i suoi milioni di giocattoli non li calcola proprio, se non per pochi istanti. La mia giornata e’ un continuo rincorrerla e la mia schiena grida pietà, ma che ci posso fare: così e’ la vita di una toddler scatenata. Per incanalare e possibilmente esaurire le sue energie ho iscritto Catherine ad un corso di nuoto (farà parte del gruppo “cigni” haha!) e a due gruppi gioco. I gruppi gioco sono comuni qui in Svizzera: vengono organizzati da mamme casalinghe che affittano sale comunali per far giocare i propri figli, ogni mamma paga una modica cifra per contribuire all’affitto e all’acquisto dei giochi; ovviamente i bambini vanno accompagnati ma e’ bello trovarsi tra mamme expat e scambiare due parole, ne avevamo bisogno tutte e due!

        • Punti negativi: direi pochi questo mese, Catherine e’ super attiva ed ha la testa dura come il marmo. Grazie alle innumerevoli scene melodrammatiche si e’ guadagnata l’appellativo di “Drama Queen” ma io non mi lamento affatto!!
        • Peso: non pervenuto, visto che qui in Svizzera controllano i bimbi solo ogni sei mesi, fino a gennaio non la peseranno più. Spero che stia prendendo peso bene ma mangiare mangia, le cosce lievitano e le guance pure quindi no problem direi!
        • Progressi: rullo di tamburi…la toddler CAMMINA!!!!!!! Ha iniziato al mare, esattamente l’11 di settembre! E ora chi la ferma più’?!?! E’ troppo buffa mentre gironzola a passo incerto e se la ride piena di orgoglio quando riesce ad arrivare alla sua meta. E’ così traballante che mi sembra voglia imitare la coreografia delle canzone “Thriller” di Michael Jackson haha! La guarderei per ore, ve l’ho gia’ detto vero che mi ha rubato il cuore?!?!

        “…cause this is thriller, thriller at night…”

          You may also like

          8 commenti

          Comments are closed.